sabato 19 febbraio 2011

per fare futuro

Giornali e trasmissioni TV sono saturi di contenuti sul "Ruby gate", ennesima occasione per rinvigorire lo scontro tra destra e sinistra.

esponenti dell'uno e dell'altro schieramento si accusano a vicenda, ciascuno trincerato sul proprio versante ideologico, la riva destra e sinistra di un fiume ormai in secca, unite dal letto ormai colmo di detriti dei "sistemi" e dei "modelli" ormai falliti;

le classi dirigenti, si guardano bene dall'affrontare i temi cosiddetti "trasversali", si ostinano su questa finta schermaglia tra destra e sinistra, uno scontro ideologico che non esiste piu' e non interessa piu' a nessuno, se non a qualche arzillo (e nostalgico) vecchietto; ma e' l'unico argomento sul quale dibattere (dicendo poco o niente) senza rischiare di perdere la faccia.

Alle prossime elezioni, voteranno Cittadini (classe 1993) nati almeno quattro anni dopo la caduta del muro di Berlino, perseverare su questo match destra/sinistra mi interessa e soprattutto interessa loro, tanto quanto la contrapposizione guelfi/ghibellini, tanto sembrerà lontana questa "divisione" del nostro Paese.

Non affannatevi alla ricerca di un leader che rappresenti ideologie ormai obsolete; a tutti i Cittadini adesso occorrono movimenti che vadano oltre il culto della persona, che propongano come affrontare i grandi temi, assolutamente trasversali all'attuale assetto politico, che si distinguano per il proprio "modus operandi" e per il proprio approccio alle questioni che la mia e le prossime generazioni dovranno affrontare.

Testamento biologico, istruzione, sanità, cultura, energia..... tutto ciò non ha colore politico, vogliamo scegliere i nostri rappresentanti e dare loro il nostro incarico affinché risolvano questi temi.


Nessun commento: