mercoledì 10 febbraio 2010

Eco Stop

E' di oggi la notizia che il nostro governo non intende elargire gli incentivi (ECO) per il settore auto (?). Tanto si e' letto e tanto si e' scritto, ma e' opinione diffusa che tali incentivi siano una "droga" per il mercato. Non si puo' tuttavia sottolineare il fatto che, nella consapevolezza dell'effetto "dopante", le variazioni del mercato non dovrebbero sortire alcun effetto sorpresa.

Cio' che in verità disturba di piu' e' che, dolosamente, si e' mascherato un incentivo alle aziende (per il tramite dei consumatori che hanno acquistato piu' del normale) con una misura a carattere "ecologica".

Pur condividendo che incentivare il settore auto distribuendo denari senza criterio alcuno circa occupazione e sviluppo, e' una misura un po' miope e senza sbocchi, non si puo' evidenziare che
incentivare un settore dovrebbe prevedere degli sgravi piuttosto che dei finanziamenti per sviluppare nuove e piu' costose tecnologie (in modo da rendere competitivo il prodotto nei confronti di quelli "low cost") cosa questa che non e' stata fatta.

Altro discorso e' invece l' ECO incentivo, con questa manovra, i governi dovrebbero promuovere la diffusione dei mezzi "ecologici" in modo da diffonderne l'uso e la conoscenza al consumatore, il quale, gradualmente, dovrà migrare verso questi nuovi prodotti.

se vogliamo sostenere un po' l'ambiente, (e questa sarebbe stata la presunta giustificazione degli incentivi 2009) dobbiamo spingere i piu' scettici a migrare verso queste nuove tecnologie; spinta che NULLA deve avere a che fare con questioni economiche / occupazione ecc ecc.

Sostegno ad un settore economico e riduzione dell'inquinamento sono due cose completamente distinte, se viene meno l'una non necessariamente deve cessare l'altra.

Pertanto pur condividendo il "no" di Scajola al "sostegno per il settore auto", l'aver eliminato anche gli ECO incentivi per la diffusione di mezzi che ad oggi, sono i meno inquinanti, ritengo sia una barbarie per il nostro paese, testimonianza di uno scarsissimo interesse per la questione ambientale, come che la qualità dell'aria che si respira a Milano (in piena emergenza in questi giorni) non sia degna di attenzione.......