sabato 30 ottobre 2010

l'emancipazione......

chi ha visto la puntata di "otto e mezzo" andata in onda Venerdì 29 Ottobre, ha avuto modo di toccare con mano il degrado civico, ormai segno distintivo, del PDL.

in diretta nazionale, infatti, abbiamo assistito alla nascita di una nuova "condizione anagrafica": la cosiddetta "minorenne emancipata".

e già..... perchè oggi chi si trova a far fronte alle difficoltà della vita, concedendo prestazioni sessuali, non e' più vittima di un sistema immorale, ma semplicemente si sta "emancipando", ancora qualche giorno, e palpeggiare i minori sarà considerato un sano contributo alla loro educazione.

e' bizzarro però come, non so bene quale commissione per la tutela dei minori, abbia condannato Sky, per aver mandato in onda un paio di puntate delle serie "american dad" e "southpark" dai dialoghi ritenuti eccessivi.

certo e' intollerabile che fuori dalla "fascia protetta" vengano trasmessi programmi con dialoghi che offendono il pubblico senso della morale.....

ma chissà, forse Sky stava lavorando all'emancipazione della fascia protetta.....

intanto nessuno si preoccupa degli spettacoli, veramente osceni, cui siamo costretti ad assistere, da parte dei nostri politici. Si continua a gozzovigliare nella migliore tradizione delle orge romane, il decadimento dei costumi ormai non ha piu' freni, si attacca la magistratura, le istituzioni, ed ora anche la morale pubblica.........

lavoratrici e madri avevano ben altre idee quando si battevano per l'emancipazione della donna, di certo non stavano crescendo delle baby escort!!!


martedì 22 giugno 2010

boa Sorte - parte II

sono passati 9 mesi dal quel 4 di ottobre 2009, giorno del mio onomastico, giorno in cui abbiamo saputo di essere in dolce attesa.

sto tenendo questo blog, come se fosse un diario, sfogliarlo mi riporta semplicemente a ricordare gli stati d'animo vissuti, ogni tanto un piccolo sfogo, la voglia di cambiare tutto.....

oggi, a poco piu' di 20 giorni dalla nascita della mia "pupetta", ricordo con emozione quella mattina del 4 di ottobre, appena dopo aver "letto" il test, quel mix magico di emozione, terrore e consapevolezza che già tutto stava cambiando; appena partito da casa la radio dell'auto intonva quel brano, quel Boa Sorte, che mi piace pensare fosse dedicato alla mia bimba.

benvenuta Emma!





mercoledì 10 febbraio 2010

Eco Stop

E' di oggi la notizia che il nostro governo non intende elargire gli incentivi (ECO) per il settore auto (?). Tanto si e' letto e tanto si e' scritto, ma e' opinione diffusa che tali incentivi siano una "droga" per il mercato. Non si puo' tuttavia sottolineare il fatto che, nella consapevolezza dell'effetto "dopante", le variazioni del mercato non dovrebbero sortire alcun effetto sorpresa.

Cio' che in verità disturba di piu' e' che, dolosamente, si e' mascherato un incentivo alle aziende (per il tramite dei consumatori che hanno acquistato piu' del normale) con una misura a carattere "ecologica".

Pur condividendo che incentivare il settore auto distribuendo denari senza criterio alcuno circa occupazione e sviluppo, e' una misura un po' miope e senza sbocchi, non si puo' evidenziare che
incentivare un settore dovrebbe prevedere degli sgravi piuttosto che dei finanziamenti per sviluppare nuove e piu' costose tecnologie (in modo da rendere competitivo il prodotto nei confronti di quelli "low cost") cosa questa che non e' stata fatta.

Altro discorso e' invece l' ECO incentivo, con questa manovra, i governi dovrebbero promuovere la diffusione dei mezzi "ecologici" in modo da diffonderne l'uso e la conoscenza al consumatore, il quale, gradualmente, dovrà migrare verso questi nuovi prodotti.

se vogliamo sostenere un po' l'ambiente, (e questa sarebbe stata la presunta giustificazione degli incentivi 2009) dobbiamo spingere i piu' scettici a migrare verso queste nuove tecnologie; spinta che NULLA deve avere a che fare con questioni economiche / occupazione ecc ecc.

Sostegno ad un settore economico e riduzione dell'inquinamento sono due cose completamente distinte, se viene meno l'una non necessariamente deve cessare l'altra.

Pertanto pur condividendo il "no" di Scajola al "sostegno per il settore auto", l'aver eliminato anche gli ECO incentivi per la diffusione di mezzi che ad oggi, sono i meno inquinanti, ritengo sia una barbarie per il nostro paese, testimonianza di uno scarsissimo interesse per la questione ambientale, come che la qualità dell'aria che si respira a Milano (in piena emergenza in questi giorni) non sia degna di attenzione.......