giovedì 30 ottobre 2008

Moto Guzzi - Firmare per Mandello?

La notizia che il Gruppo Piaggio intende spostare la progettazione di Moto Guzzi a Pontedera ha gettato nell'incertezza il destino della gloriosa e storica fabbrica di Mandello del Lario. Svariate le iniziative degli appassionati del marchio, tra queste Moto-Station lancia una petizione on-line

"L'avvenire della fabbrica di Mandello, luogo storico di produzione di Moto Guzzi, a seguito delle recenti dichiarazioni del gruppo Piaggio, proprietario del marchio, suscita le più vive inquietudini degli appassionati. Dopo i diversi annunci di uno stop della fabbrica di Mandello, è stata messa in linea una petizione congiunta da siti web dedicati alle Guzzi. Preceduta da una lettera aperta alla Piaggio, la petizione sarà presentata al gruppo italiano con lo scopo di chiedere, se non necessariamente il mantenimento della produzione a Mandello, una comunicazione più chiara sul futuro di Moto Guzzi indirizzata ai clienti, i quali si rammaricano che Piaggio "lasci che le voci di corridoio su Mandello si propaghino oltre misura arrecando, ancora una volta, pregiudizio all'immagine della marca". La petizione, disponibile in tutte le lingue, può essere consultata su petition online.
Mentre la ristrutturazione annunciata da Piaggio va ad introdurre numerose modifiche in seno ai marchi del gruppo, questa petizione potrebbe mostrare alla direzione che, per i motociclisti europei, la storia di una marca è tanto importante quanto la sua produzione."

Tuttavia non credo che abbia alcun senso chiedere a Piaggio di evitare che i giornalisti scrivano o riportino le notizie in modo da danneggiare l'immagine del marchio..... bah.....

Guzzi ha dei buoni prodotti e sopperisce ancora ad errori di progettazione e sviluppo (la frammentazione delle motorizzazioni per esempio o l'appaltare a terzi con scarso successo la produzione di accessori aftermarket come le borse) con il grande fascino che ancora oggi (incredibilmente) il marchio sucita.

qualunque casa con metà del "appeal" da integralista che ha il marchio dell'aquila presso i propri adepti avrebbe il mercato in pugno semplicemente affiancando ai propri prodotti una rete di vendita ed assistenza adeguata.

Non firmo perche' non ho le capacita imprenditoriali e le informazioni per valutare la ristrutturazione di un marchio però a Mandello ci sono stato, e non e' certo il posto migliore per un'azienda da grandi numeri, la gran parte della catena e' obsoleta. Il reparto R&D non ha certo fatto molto bene se non altro perche' hanno industrializzato 6 motori (750, 850, 956, 1100, 1200, 1200 4V) in 4 anni sperperando denari, e condannando a morte con semestri di anticipo sull'uscita del nuovo modello quello che si andava a sostitutire, Vi ricordo che la Griso 8V fu presentata 18 mesi prima della sua commercializzazione demolendo le vendite della Griso allora in listino, così come la presentazione della Norge che non arrivava mai, non ha certo fatto bene alla vendita della Breva (la sorella nuda....)

insomma una bella svegliata ci vuole, e se c'e' da traslocare ben venga.

a Mandello potrebbero continuare a produrre fisicamente le moto, con una buona ristrutturazione, ma le "teste" soffrono l'aria del lago evidentemente.

mercoledì 29 ottobre 2008

Opening Day


Inauguro oggi il mio blog, attualmente in versione provvisora, in attesa di modifiche alla veste grafica,

Stay tuned!!!